“Cottontail” vince il Premio Miglior Opera Prima BNL BNP Paribas

“Cottontail” vince il Premio Miglior Opera Prima BNL BNP Paribas

BNL BNP Paribas

2 Novembre 2023

Per il 18mo anno consecutivo BNL BNP Paribas è Main Partner della Festa del Cinema di Roma (18-29 ottobre 2023). Il Premio Miglior Opera Prima BNL BNP Paribas ha assegnato il riconoscimento al miglior debutto cinematografico di questa edizione. La banca è anche sponsor di Alice nella città, la sezione parallela rivolta alle giovani generazioni.

La Festa del Cinema di Roma è ormai maggiorenne. Nata nel 2006 con la vocazione di coniugare produzione di qualità e gradimento del pubblico, chiude la sua 18ma edizione con un successo di partecipazione, registrando circa 92.000 presenze. Un risultato per nulla scontato: il programma con la sezione del concorso internazionale, istituito nel 2022, altre sezioni non competitive, incontri, masterclass, proiezioni speciali e mostre dedicate alla settima arte ha evidentemente coinvolto e interessato in assenza di star hollywoodiane su red carpet, bloccate dallo sciopero negli Stati Uniti, e in un momento storico in cui le sale soffrono. Per favorire il coinvolgimento popolare, dal Villaggio del Cinema all’Auditorium Parco della Musica, in questi anni la manifestazione si è espansa ad altri luoghi della città con una serie di appuntamenti diffusi per essere non un festival per addetti ai lavori ma davvero “una festa metropolitana”.

Fin dall’inizio di questa avventura BNL BNP Paribas è stato Main Partner della Festa del Cinema di Roma, assegnando anche il Premio Miglior Opera Prima BNL BNP Paribas, che quest’anno è andato a “Cottontail” di Patrick Dickinson. La giuria presieduta dal Paolo Virzì, con la produttrice e distributrice francese Adeline Fontan Tessaur e la drammaturga e sceneggiatrice Abi Morgan, ha attribuito la vittoria alla pellicola drammatica girata tra Giappone e Inghilterra che ha come protagonista Lily Franky, iconico attore di “Un affare di famiglia” di Kore-eda. Nata da una esperienza personale, come ha spiegato Dickinson, autore anche della sceneggiatura, è una storia di amore e di perdita, di elaborazione di un lutto familiare. Il viaggio di un vedovo giapponese da Tokyo per adempiere alla richiesta di sua moglie che le proprie ceneri siano disperse nel lago Windermere vuole mostrare che, pur appartenendo a culture molto diverse, gli esseri umani sono accomunati nei sentimenti fondamentali.

Nella rosa dei dodici i lungometraggi di finzione candidati al premio, scelti nelle sezioni Concorso Progressive Cinema, Freestyle e Grand Public, figuravano gli esordi dietro la camera da presa di ben quattro noti attori: tre volti italiani, Paola Cortellesi, Margherita Buy e Michele Riondino, a cui si aggiunge Patricia Arquette, interprete di “Strade Perdute” di David Lynch e Oscar come miglior attrice non protagonista nel 2014. In concorso altri due cineasti italiani: Francesco Frangipane, che ha portato sullo schermo una pièce teatrale di Filippo Gili, e Filippo Barbagallo, sceneggiatore, regista e protagonista di una commedia generazionale. Tra i registi stranieri al debutto, oltre al vincitore Patrick Dickinson, un altro britannico, Leo Leigh, figlio d’arte del pluripremiato Mike, e due svedesi, Ernst De Geer e Niclas Larsson, quest’ultimo in grado di mettere insieme per la sua opera prima un cast d’eccezione con Ewan McGregor, Ellen Burstyn, Rhys Ifans. Infine due film su temi di grande attualità: Farhad Delaram racconta la fuga di due oppositori del regime iraniano attraverso il Paese mentre Mehdi Fikri le proteste che si accendono nella periferia di Strasburgo per la morte di un ragazzo ucciso dalla polizia.

La giuria ha riconosciuto due Menzioni Speciali ai film “Avant que le flammes ne s’eteignent” di Mehdi Fikri e “C’è ancora domani” di Paola Cortellesi, che ha incassato anche il Premio del pubblico e il Premio Speciale della Giuria della competizione principale.

BNL BNP Paribas è sponsor anche della sezione autonoma e parallela “Alice nella città”, riconoscendone la validità culturale-educativa. Un festival nel festival che si pone come missione la promozione del cinema e della cultura audiovisiva verso le giovani generazioni e che mette al centro bambini e ragazzi nelle tematiche dei film selezionato, nel pubblico che assiste alle proiezioni e nelle giurie che attribuiscono i premi.

Nel 2023 si festeggiano anche i 110 anni dalla nascita della Banca: in questa lunga storia è stata a fianco del cinema contribuendo alla realizzazione e ideazione di più di 5.000 film, entrati nella storia cinematografica italiana e in quella internazionale. Intorno alla passione per il cinema BNL BNP Paribas ha costruito anche la community “We Love Cinema”, con oltre 325 mila fan su Facebook (facebook.com/WeLoveCinemaITA) e oltre 75 mila su X (@WeCinema).

 

Leggi altre news simili

Banksy ha ucciso la street art. Viva Banksy!

Banksy ha ucciso la street art. Viva Banksy!

27 Febbraio 2024
Stefania Galegati vince il BPER Prize ad Arte Fiera 2024

Stefania Galegati vince il BPER Prize ad Arte Fiera 2024

21 Febbraio 2024
L’Italia raccontata dai francobolli

L’Italia raccontata dai francobolli

21 Febbraio 2024